Choose your language EoF

Santo del giorno 1 aprile: Lodovico Pavoni

Il santo di oggi, Lodovico, correva a perdifiato per i giovani a cui mostrava ogni riguardo ed attenzione senza preoccuparsi di sé

In delicati anni, Lodovico Pavoni nella prima metà del 1800 si dedicò dimentico di sé alle cure dei giovani meno fortunati come si suol dire.

Giovani che avevano dimenticato di avere anche loro santi in paradiso trovarono in Lodovico un padre premuroso che cercò di avviarli ad un mestiere e soprattutto di educarli alla vita.

Esercizi spirituali 2024 720×90 Aside Logo

Lodovico Pavoni diede luce alle prime scuole professionali d’Italia

L’unico rimedio per portare a segno i prodigiosi semi dell’educazione era sicuramente rappresentato dal toglierli dalla strada.

Lodovico Pavoni lo sapeva ed è per questo che non gettò la spugna e diede alla luce a molti istituti professionali di ogni sorta.

Tutto ciò che poteva tornare utile e diventare un mestiere, dall’arte, alla tipografia (ed ecco così una delle prime case editrici) faceva parte di un laboratorio per l’educazione.

Non erano tempi semplici e nel mezzo dell’epidemia di colera, non diminuirono gli sforzi di Lodovico per accogliere e fare sentire accolti gli infermi malcapitati giovani.

Così fu insignito dalle autorità regie di una corona al merito.

Lo stile di vita religiosa divenne l’ideale di Lodovico, fondando una congregazione

Questo riunirsi a vita comune di amore ed ideali rappresentò la premessa per la fondazione nel 1846 di una nuova congregazione religiosa, i Figli di Maria Immacolata.

Si conduceva la comune missione dell’educazione, alternandosi tra fratelli sacerdoti e fratelli laici, tutti insieme.

“Rinunciare alle speranze del mondo, e conformare la propria vita per quanto possibile a quella di Gesù Cristo, ecco l’unico scopo a cui devono tendere le nostre mire”, questa una delle regole auree del nuovo bocciolo di rosa, istituto nascente.

Lodovico sul fronte della rivolta popolare si ammalò letalmente per salvare i giovani

«Lieta del fato Brescia raccolsemi,
Brescia la forte, Brescia la ferrea,
Brescia leonessa d’Italia
beverata nel sangue nemico.»

Così si espresse Giosuè Carducci nel dare una tinta ai bresciani che nel 1849 irruppero contro l’autorità imperiale austriaca, col sogno dell’indipendenza nel cuore.

Ed in tale frangente, le dieci giornate di Brescia, Lodovico contrasse una broncopolmonite che  gli fu fatale per mettere in salvo i giovani.

Prendiamo, all’inizio di questa settimana Santa, esempio da lui, Lodovico Pavoni che seppe dare tutta la sua vita per i suoi amici in Gesù.

Per approfondire

Loppiano, Sorella Esperance Nyirasafari: “il mio soggiorno in Italia”

Il Papa “dagli estremi confini della terra” porta un nuovo stile a Roma: 10 anni di Francesco

Santo del giorno 12 marzo: Luigi Orione

Vangelo di Domenica 12 marzo: Giovanni 4, 5-42

Giornata internazionale della donna: l’elogio di papa Francesco alle donne

Fonte dell’articolo

Dicastero delle cause dei santi

Potrebbe piacerti anche