Choose your language EoF

I 10 suggerimenti di Papa Francesco per la Quaresima

Quaresima 2023: una riflessione tratta da ogni messaggio quaresimale scritto da papa Francesco dall’inizio del suo pontificato

Il 22 febbraio 2023 segna l’inizio della Quaresima con la celebrazione del Mercoledì delle Ceneri

Per celebrare questo importante tempo liturgico in preparazione alla Pasqua, ecco 10 consigli tratti dai messaggi quaresimali di Papa Francesco nel corso degli anni.

Esercizi spirituali 2024 720×90 Aside Logo
  1. Ricordare che la povertà di Cristo ci arricchisce

«La povertà di Cristo che ci arricchisce è che Egli si incarna e si carica delle nostre debolezze e dei nostri peccati come espressione dell’infinita misericordia di Dio verso di noi», spiegava Papa Francesco nel 2014, nel suo primo messaggio quaresimale.

Il Pontefice ha ricordato che «il fatto che Dio si sia fatto uomo è un grande mistero», ma lo ha fatto per «un amore che è grazia, generosità, […] un amore che non esita a offrirsi come sacrificio per L’amato”.

Egli ha infatti messo in guardia contro “tre tipi di miseria: materiale, morale e spirituale”, pur sottolineando che “la miseria è povertà senza fede, senza sostegno, senza speranza”. Ha invitato i cristiani ad “affrontare” la miseria dei “nostri fratelli e sorelle” ea “prendere provvedimenti concreti per alleviarla”.

  1. Combattere individualmente e collettivamente la “globalizzazione dell’indifferenza”.

Nel suo messaggio per la Quaresima 2015, Papa Francesco ha rivolto un forte appello contro la “globalizzazione dell’indifferenza” verso gli altri.

“L’amore di Dio spezza quel fatale ripiegamento in noi stessi che è l’indifferenza”.

«L’indifferenza verso il prossimo e verso Dio […] rappresenta per noi cristiani una vera tentazione.

Ogni anno durante la Quaresima abbiamo bisogno di riascoltare la voce dei profeti che gridano e turbano la nostra coscienza”, ha affermato il Pontefice.

Ha invitato i luoghi “dove è presente la Chiesa” a “diventare isole di misericordia in mezzo al mare dell’indifferenza”.

Ha anche incoraggiato ciascuno a partecipare a una “formazione del cuore”, e sviluppare così un cuore “fermo”, “misericordioso”, “premuroso” e “generoso”.

Il suo consiglio è di ripetere la litania del Sacro Cuore di Gesù: «Fac cor nostrum secundum cor tuum, rendi i nostri cuori come i tuoi».

  1. La misericordia “illimitata” di Dio può aiutarci a essere a nostra volta misericordiosi

Nel messaggio quaresimale del 2016, Papa Francesco si è soffermato sul tema della misericordia, in linea con il Giubileo Straordinario che aveva indetto sullo stesso tema.

Ha ricordato che “il mistero della misericordia divina si rivela nella storia dell’alleanza tra Dio e il suo popolo”, poiché Egli è sempre pronto a trattarli con “profonda tenerezza e compassione”.

Questa “misericordia illimitata” si incarna poi in Cristo “lo Sposo che fa di tutto per conquistare l’amore di sua moglie”.

“La misericordia di Dio trasforma i cuori umani; Ci permette, attraverso l’esperienza dell’amore fedele, di diventare anche misericordiosi”, ha spiegato il Papa.

«Nelle opere di misericordia corporali tocchiamo la carne di Cristo nei nostri fratelli e sorelle che hanno bisogno di essere nutriti, vestiti, riparati, visitati; nelle opere di misericordia spirituale – consiglio, istruzione, perdono, ammonizione e preghiera – tocchiamo più direttamente la nostra stessa peccaminosità”.

  1. L’importanza di trascorrere del tempo con la Parola di Dio

“La Quaresima è un tempo propizio per approfondire la nostra vita spirituale attraverso […] il digiuno, la preghiera e l’elemosina.

Alla base di tutto c’è la Parola di Dio, che in questo tempo siamo invitati ad ascoltare e riflettere più profondamente”, ha detto Papa Francesco nel suo messaggio per la Quaresima 2017.

Seguendo il proprio consiglio, ha incentrato il suo testo sulla parabola del ricco e del povero Lazzaro (cfr Lc 16, 19-31).

Ha spiegato che “Lazaro ci insegna che gli altri sono un dono” e che la Quaresima è un tempo propizio “per aprire le porte a tutti i bisognosi”.

Il ricco, invece, ci offre una “visione drammatica della corruzione del peccato, che procede in tre fasi successive: l’amore del denaro, la vanità e la superbia”.

“Alla radice di tutti i mali [del ricco] c’era la mancanza di attenzione alla parola di Dio. […].

La parola di Dio è viva e potente, capace di convertire i cuori e ricondurli a Dio”, ha detto il Papa.

  1. Guardati dall’iniquità e combatti con la preghiera, l’elemosina e il digiuno

Per il suo messaggio quaresimale 2018, Papa Francesco si è ispirato a questo versetto del Vangelo di Matteo: «A causa dell’aumento dell’iniquità, l’amore di molti si raffredderà» (24,12).

In effetti, ci ha invitato a guardarci dai “falsi profeti”, che possono presentarsi sotto forma di “incantatori di serpenti” o “ciarlatani”.

Ci ha anche chiesto di cercare di evitare che il nostro cuore e il nostro amore si “raffreddino” non permettendoci di servire gli altri.

Per combattere queste tentazioni, papa Francesco propone “il rimedio calmante della preghiera, dell’elemosina e del digiuno”, che aiuta a “riprendere con entusiasmo il cammino della Quaresima”.

  1. Ricorda la redenzione della creazione

“Questo mistero di salvezza, già all’opera in noi durante la nostra vita terrena, è un processo dinamico che abbraccia la storia e tutta la creazione”, ha detto Papa Francesco nel suo Messaggio per la Quaresima 2019.

Ha sottolineato che “tutti coloro che godono della grazia della Pasqua mistero di Gesù possa sperimentare il suo compimento nella redenzione del corpo umano» e che «noi benefichiamo il creato cooperando alla sua redenzione».

Così ha messo in guardia contro “il potere distruttivo del peccato” e ha invitato il “deserto della creazione” ad essere “ancora una volta quel giardino di comunione con Dio che era prima del peccato originale”.

  1. La Quaresima è un periodo di conversione

Nel suo messaggio per la Quaresima 2020, il Pontefice argentino ha ricordato che, pur ripetendosi ogni anno, la Quaresima è sempre un “tempo propizio per la nostra conversione”, che “non va mai dato per scontato”.

La Pasqua di Gesù «non è un evento passato; anzi, per la forza dello Spirito Santo è sempre presente, facendoci vedere e toccare con fede la carne di Cristo in coloro che soffrono».

La preghiera è dunque essenziale durante la Quaresima, in quanto è “un dialogo sincero tra amici” ed “espressione del nostro bisogno di rispondere all’amore di Dio che sempre ci precede e ci sostiene”.

Il Pontefice assicura anche che Dio è sempre disponibile a dialogare veramente con noi ea non partecipare a “chiacchiere vuote”.

  1. Rinnova la nostra fede, speranza e amore mentre ci prepariamo alla Pasqua

“In questo tempo di conversione, rinnoviamo la nostra fede, beviamo all’acqua viva della speranza e accogliamo con cuore aperto l’amore di Dio, che ci rende fratelli e sorelle in Cristo”, ha detto Papa Francesco durante la Quaresima 2021.

Un messaggio importante, poiché il mondo stava ancora affrontando la pandemia di COVID-19.

Ha associato questi tre segni per questa stagione solenne con gli atti di digiuno, preghiera ed elemosina.

Il digiuno aiuta a trovare la nostra pienezza in Dio e così “accettare e vivere la verità rivelata in Cristo” e avvicinarsi alla nostra fede.

La speranza “ci è donata come ispirazione e luce interiore” attraverso il raccoglimento e la preghiera silenziosa.

Infine, “vivere con amore la Quaresima significa prendersi cura di chi soffre o si sente abbandonato”.

  1. Non stanchiamoci di fare il bene

Papa Francesco si è ispirato ai seguenti versi dell’esortazione di san Paolo ai Galati per il suo messaggio quaresimale 2022: “Non stanchiamoci di fare il bene, perché a tempo debito raccoglieremo la nostra messe, se non ci arrendiamo. Così, finché ne abbiamo l’opportunità (kairós), facciamo del bene a tutti» (6,9-10).

“La Quaresima ci invita alla conversione, a un cambio di mentalità, perché la verità e la bellezza della vita si trovino non tanto nel possedere quanto nel donare, non tanto nell’accumulare quanto nel seminare e condividere il bene”, ha spiegato il pontefice argentino.

Ha infatti citato tre modi per seminare il bene: “non stancatevi di pregare”, “non stancatevi di sradicare il male dalla nostra vita” e “non stancatevi di fare il bene nella carità operosa verso il prossimo “.

  1. Quaresima come momento di trasfigurazione ascensionale

Durante la Quaresima siamo invitati a salire “su un alto monte” in compagnia di Gesù e a vivere una particolare esperienza di disciplina spirituale, di ascesi, come popolo santo di Dio”, ha detto Papa Francesco nel suo Messaggio per la Quaresima 2023.

Ci ha incoraggiato ad «ascoltare a Gesù» frequentando la liturgia e studiando la Bibbia.

Il Pontefice ha anche sottolineato le similitudini tra il Sinodo sulla sinodalità e la Quaresima.

Il Sinodo è un processo di riflessione sul futuro della Chiesa, che il Papa ha iniziato nel 2021 e che dovrebbe continuare fino al 2024.

Nel suo messaggio, Papa Francesco ha spiegato come «sia il cammino quaresimale di penitenza sia il cammino del Sinodo hanno come obiettivo una trasfigurazione, sia personale che ecclesiale».

Per approfondire

Il Messaggio Di Papa Francesco Per La Quaresima 2023

Naufragio A Cutro (Crotone), Strage Di Migranti: Nota Del Presidente Della CEI, Card. Matteo Zuppi

Missione Testimonianza: Storia Di Padre Omar Sotelo Aguilar, Prete E Giornalista Di Denuncia In Messico

Stati Uniti, Ucciso Il Vescovo Ausiliare Di Los Angeles David O’Connell

Il Messaggio Di Papa Francesco Per La Quaresima 2023

Missioni, sacerdote ferito da una mina in Repubblica Centrafricana: amputato un piede

Papa Francesco In Africa, La Santa Messa In Congo E La Proposta Dei Cristiani: “Boboto”, Pace

R.D. Congo: Bomba Esplode In Una Chiesa, Almeno 17 Le Vittime E 20 I Feriti

Africa, Il Vescovo Laurent Dabiré: Il Terrorismo Nel Saheel Minaccia La Pace E Paralizza La Missione Pastorale

Repubblica Democratica Del Congo: I Cattolici Congolesi Scendono In Piazza Per Protestare Contro La Crescente Violenza

RD Congo, Stavano Organizzando Una Marcia Per La Pace: Due Donne Rapite Nel Sud Kivu

Nigeria: Terroristi Bruciano Vivo Sacerdote, Ne Feriscono Un Altro E Rapiscono Cinque Fedeli

Fonte dell’articolo

Aleteia

Potrebbe piacerti anche