Choose your language EoF

Giornata Mondiale dell’Ambiente

“Lodato sii, mio Signore, per nostra sorella madre terra, la quale ci sostiene e ci governa: produce diversi frutti, con fiori variopinti ed erba.” – Cantico delle creature di San Francesco d’Assisi

Omaggio a Yacouba Sawadogo, un uomo che ha saputo amare la terra

Yacouba Sawadogo, eroe e contadino visionario del Burkina Faso, è deceduto il 3 dicembre 2023, lasciando dietro di sé un’eredità ecologica unica. Il suo villaggio natale, Gourga, situato nel nord del paese, ha visto i suoi paesaggi trasformati grazie ai suoi incessanti sforzi per combattere la desertificazione. Sawadogo ha creato una foresta su terreni aridi, invertendo il corso della degradazione ambientale e ispirando intere generazioni.

Esercizi spirituali 2024 720×90 Aside Logo

La Decisione Coraggiosa

Negli anni ’80, Gourga affrontava una desertificazione accelerata, esacerbata da venti caldi e siccità prolungate. Mentre gli abitanti fuggivano in cerca di terre più fertili, Yacouba Sawadogo scelse di rimanere. Proveniente da una linea di contadini noti per la loro capacità di “richiamare la pioggia” con incantazioni speciali, Yacouba decise di combinare questo sapere ancestrale con tecniche moderne per creare una foresta sostenibile. Determinato a riportare la vita nel suo villaggio morente, iniziò a piantare alberi, sfidando gli scettici che lo consideravano pazzo. Il suo boschetto fu incendiato più volte da malintenzionati, ma lui perseverò.

Questa decisione audace segnò l’inizio di una trasformazione radicale della regione.

La Tecnica del Zaï

Per riuscire nella sua missione, Yacouba riscoprì e migliorò la tecnica agricola tradizionale del zaï. Questo metodo consiste nello scavare nel terreno buche di 30 cm di profondità per accogliere la pianta durante la stagione secca. Queste buche sono riempite di materia organica per contribuire alla fertilizzazione, trattenere l’umidità e favorire la crescita delle piante all’arrivo delle piogge. Combinando questa tecnica con cordoni di pietre per rallentare il flusso dell’acqua e favorirne l’infiltrazione, creò un ambiente propizio alla crescita degli alberi e alla rigenerazione dei suoli.

La Rinascita di Gourga

Quarant’anni dopo, i risultati sono spettacolari. L’ecosistema è stato riabilitato. La foresta di Yacouba Sawadogo si estende su quasi 40 ettari, ospitando oltre 20.000 alberi di più di 60 specie, molte delle quali medicinali, con una biodiversità rinnovata, incluse specie animali come il riccio e la cerva. Questa foresta non solo ha riportato la vita selvatica, ma ha anche creato un microclima favorevole all’agricoltura locale, permettendo agli abitanti di Gourga di ritrovare il loro villaggio e ricominciare a coltivare la terra con successo.

Riconoscimento Internazionale

Gli sforzi di Yacouba sono stati riconosciuti ben oltre i confini del suo villaggio. Nel 2018, ha ricevuto il Right Livelihood Award, spesso definito il premio Nobel alternativo, e nel 2020 è stato onorato dalle Nazioni Unite come “Campione della Terra”. Questi riconoscimenti testimoniano l’impatto globale delle sue tecniche innovative e del suo impegno nella lotta contro la desertificazione.

Abitare Diversamente la Terra

Yacouba Sawadogo ha dimostrato che l’impegno locale e la gestione sostenibile delle risorse possono non solo restaurare, ma anche arricchire gli ecosistemi. La sua azione è un modello vivente di resilienza e innovazione, offrendo lezioni preziose per gli sforzi di conservazione.

Yacouba non ha tenuto per sé le sue tecniche. Ha insegnato il zaï e altri metodi sostenibili a contadini in tutto il Sahel e oltre, contribuendo così alla lotta contro la desertificazione. Suo figlio, Lookman, continua la sua opera promuovendo l’agroforestazione e sensibilizzando le comunità locali sull’importanza della conservazione ambientale.

Un film documentario intitolato “The Man Who Stopped the Desert” racconta il percorso di Yacouba Sawadogo e le sue realizzazioni.

 

Immagini

Fonte dell’articolo

 

Potrebbe piacerti anche